Aveva circa tre anni e mezzo quando...

testimonianza della vita di Little John

Little John

è un ragazzo che è stato abbandonato dai suoi genitori in tenera età e portato nel 2009 a

House of Love Africa (Hola)

dalle autorità distrettuali che lo avevano raccolto in una foresta, al confine tra Uganda, Rwanda e Congo.

Aveva circa tre anni e mezzo secondo la stima del medico e quindi compirà 16 anni quest’anno a dicembre 2021.

Per i primi 10 anni della sua vita, il piccolo John non è stato in grado di camminare da solo e di parlare. Dopo un’accurata visita medica, si scoprì che soffriva di moderata emiplegia spastica sinistra, paralisi cerebrale e disturbi convulsivi con difficoltà nell’uso della mano destra e della gamba destra. Queste condizioni lo avevano reso completamente disabile e completamente dipendente da una persona che si prendesse cura di tutte le attività umane quotidiane fin dall’infanzia. La sua situazione era apparentemente senza speranza, senza alcuna aspettativa di poter fare nulla da solo.

Ma con l’aiuto della Comunità Magnificat, il 2 agosto 2016, è stato possibile portarlo per la prima volta alla “Casa per bambini disabili Katalemwa” a Kampala, un luogo che è diventato la sua seconda casa negli ultimi cinque anni e alcuni mesi e il suo miglioramento è tremendamente incoraggiante.

La Comunità Magnificat – attraverso Operazione Fratellino – è stata così gentile con lui da pagare il suo soggiorno presso Katelemwa Cheshire Home per bambini disabili e poter ricevere cure psichiatriche e fisioterapiche, terapia occupazionale, terapia nutrizionale e formazione in diverse attività della vita quotidiana. Ora John sta assumendo farmaci anticonvulsivanti e utilizza dispositivi di assistenza che includono; stecca per gomito, deambulatore posteriore, supporto per treppiede e supporto per ortesi caviglia-piede. 

John mostra un grande miglioramento per quanto riguarda il camminare in modo indipendente, andare in bagno, essere in grado di vestirsi con il minimo supporto da parte di chi si prende cura di lui; l’intelletto naturale e le sue convulsioni sono ora sotto controllo.

La situazione di Little John non è facile e quindi va amata con molta passione e pazienza. È sempre con una ‘custode’ di nome Topista, una giovane donna che si prende cura di lui da circa 12 anni, praticamente da quando è stato portato ad Hola, da noi.

JM

 
INTERVISTA A TOPISTA, LA ‘CUSTODE’ DI LITTLE JOHN

i) Chi è per te Little John?
Ho conosciuto e vissuto con Little John più a lungo di qualsiasi altra persona nella sua vita e l’amore e il legame che condividiamo ora sono più di quelli di una badante, ma piuttosto il tipo di legame tra una madre e un figlio. Vedo il piccolo John come mio figlio.
 
ii) Cosa ti ha aiutato o motivato a prenderti cura di Little John per tutti questi anni senza arrenderti?
Little John, per me, rimarrà sempre il piccolo, indifeso bambino che è stato portato a Hola 12 anni fa. Continuo a guardare da dove veniamo e in effetti questo mi dà la forza di cui ho bisogno ogni giorno per dargli l’attenzione e il supporto di cui ha bisogno per affrontare la giornata.
In secondo luogo, sono fortemente credente e seguace di Cristo, che credo sia la vera fonte della mia motivazione. Pertanto, ho preso un impegno interiore con il mio Dio che mi prenderò cura di Little John fino a quando la mia forza fisica non potrà sostenere entrambi.
 
iii) Quali sfide hai incontrato mentre ti prendi cura di Little John?
All’inizio, erano le battute d’arresto di Hola durante le vacanze che mi facevano venire voglia di mollare e andare via, ma ora la sfida che sto affrontando è il fatto che sta crescendo ed è ogni giorno più grande e forte: lo trovo pesante da sollevare mentre fa esercizi o facendogli il bagno.
 
iv) Cosa consiglieresti di fare per aiutare ulteriormente Little?
Consiglierei che tra circa 2 anni, quando compie 18 anni, si trovi una casa dove poter restare permanentemente per il resto della sua vita con qualcuno che lo capisca molto bene e per dargli il tipo di cure di cui ha bisogno. Penso preferibilmente a un uomo, in quanto ora sta raggiungendo la pubertà e ha iniziato in qualche modo a essere sensibilmente consapevole di chi è.